Novità 2020! – “Il Club degli Aspiranti Scrittori”

Il Club degli Aspiranti Scrittori

Non il solito gruppo di lettura

a cura di Silvia Gilardi
docente di scrittura, ghostwriter e collaboratrice editoriale

Il mio post ok

Immagina un club dove poter condividere la tua passione per la lettura e la scrittura.

Un posto dove sentirti tra amici, dove poterti confrontare liberamente sui testi che hai letto (e che hai scritto).

Un appuntamento fisso, per chiudere fuori dalla porta gli impegni e le preoccupazioni di ogni giorno e lasciare spazio alla creatività e alle idee.

Se almeno una volta hai sognato una stanza piena di libri dove poterti rilassare in compagnia di persone (e personaggi) interessanti… Be’, allora hai tutte le carte in regola per far parte del Club degli Aspiranti Scrittori! Benvenuto!

Quando e dove ci incontreremo?
Una volta al mese, per cinque volte (+ un breve incontro introduttivo), presso la sede dell’associazione culturale Il Paese che non c’è, a Bergamo, in via Sant’Alessandro 32.

Cosa leggeremo?
Romanzi che hanno per protagonisti aspiranti scrittori, alle prese con la sfida di riuscire a realizzare il loro sogno (e con tutti i momenti di esaltazione/frustrazione che questo comporta).

Cinque personaggi, cinque modi di dar voce al proprio talento.
Cinque storie molto diverse tra loro, per tono e atmosfere, che ci faranno entrare nelle vite di chi il caos del mondo non può proprio fare a meno di riordinarlo attraverso le parole.

Ogni mese verrà svelato il titolo di cui si parlerà all’incontro successivo.

P.S. Come in ogni club che si rispetti, esistono regole segrete, che verranno svelate agli iscritti durante il primo incontro introduttivo.

 

Date e orari:
15 gennaio (incontro introduttivo)
19 febbraio – 18 marzo – 15 aprile – 13 maggio – 10 giugno
dalle 20.30 alle 22

Per info e iscrizioni: corsi.ilpaesechenonce@virgilio.it

“Vedo me stesso essenzialmente come un lettore. Mi è accaduto di avventurarmi a scrivere, ma ritengo che quello che ho letto sia molto più importante di quello che ho scritto. Si legge quello che piace leggere, ma non si scrive quello che si vorrebbe scrivere, bensì quello che si è capaci di scrivere.
Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto, io sono orgoglioso di quelle che ho letto”.

Jorge Luis Borges

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s