Le news di novembre



Ecco tutti i corsi in partenza questo mese (più una piccola anteprima)
 
Corsi e laboratori di novembre…
Clicca sul corso di tuo interesse per avere maggiori informazioni.
Per iscriverti, basta inviare una mail a corsi.ilpaesechenonce@virgilio.it
Riceverai così tutti i dettagli per partecipare.
 
IN PRESENZA:

C’ERA UNA VOLTA…
Laboratorio sulla fiaba
sabato 26 novembre – ore 14.30-18.30
a cura di Silvia Gilardi
laureata in Lettere Moderne, diplomata in Scrittura&Storytelling alla Scuola Holden di Torino. Docente di scrittura creativa, ghostwriter e collaboratrice editoriale

Che cosa sono le fiabe?
– Rapida carrellata di pareri illustri
– Perché ha ancora senso leggere, scrivere e raccontare fiabe oggi
Walt Disney vs Fratelli Grimm
– L’influenza dell’immaginario disneyano
– Lettura e confronti: Biancaneve e Cenerentola
Gli elementi costitutivi della fiaba
– Il magico e il meraviglioso
– I personaggi: eroe, antagonista, aiutanti
– Le funzioni di Propp
Scriviamo la nostra fiaba
– Come strutturare un’idea
– Esercizi di scrittura

DA REMOTO:

NERO su BIANCO – Narrare attraverso la musica
Laboratorio di scrittura creativa
Il laboratorio è sempre attivo e può iniziare in qualunque momento.
  ✍️
Anteprima di dicembre:


QUANDO I PROFUMI DIVENTANO PAROLE
Laboratorio di scrittura di sé (IN PRESENZA)
a cura di Federica Alfieri docente di lettere, allieva di Giuseppe Pontiggia, esperta in arteterapia e attività teatrali.
Primo incontro sabato 3 dicembreore 14.30-17.30
Otto incontri a cadenza mensile.
E’ possibile partecipare ai singoli incontri

Ai partecipanti verrà fornito il materiale “olfattivo” che ciascuno potrà portare a casa.

Nel laboratorio, a cura di Federica Alfieri, si compirà un meraviglioso viaggio tra mille profumi e sensazioni alla ricerca e alla scoperta della propria fragranza: l’essenza del sé. Attraverso letture di Autori italiani e stranieri si distilleranno gocce di profumo sulla pagina scritta.

VIAGGIO TRA I PROFUMI

La magia del profumo
S’inizierà il viaggio sensoriale di scrittura immergendosi in una diafana atmosfera armoniosa, dove trovare la serenità del proprio ritmo emotivo.
Fin dall’antichità il profumo è stato un elemento importante, intriso di fascino, magia, segreti e sfumature olfattive. Etereo, impalpabile, persistente che intreccia spazio e tempo con giocoso stupore! L’olfatto è un senso invisibile. Capace di individuare un pericolo o far emergere dall’oscurità un antico ricordo celato dal tempo.
 
Segreti e profumi
Da sempre i creatori di profumi amavano custodire gelosamente i segreti delle proprie creazioni ed è anche per questo che il profumo viene associato al mistero, a qualcosa di segreto la cui natura è difficile da svelare. E quando si sceglie un profumo per se stessi lo si sceglie per dialogare con il proprio essere, una silenziosa conversazione con sogni, desideri e bisogni, specchio d’intimità profonda, difficile da svelare. E poi, quando il profumo si diffonde, accarezza altri olfatti desiderosi di decodificare quell’arcano messaggio.
 
I profumi dell’infanzia
L’infanzia è tempestata di profumi che rimandano a mille esperienze ed avventure che verranno rivissute da adulti   sotto nuova luce. Un’infaticabile esplorazione della realtà che inizia nel grembo materno regalando emozioni infinite.
 
Odori e profumi della Natura
La Natura è un infinito ricettacolo di odori e profumi come l’odore della pioggia o di nebbia; l’odore degli animali; l’odore di erba tagliata o di terra bagnata, ricco di contrasti; il profumo di mare salmastro che rimanda a velieri tra tempestose onde spumeggianti; il profumo della neve che diffonde mille sensazioni e ricordi infantili; il profumo di alberi le cui chiome, cortecce o resine sono simili a invisibili fili di stupendi arazzi che sollecitano un ventaglio di sentimenti. 
 
I profumi delle case
Salotti, cucine, cantine, solai, mansarde: ogni ambiente è permeato di qualche profumo come la lignea cornice di una fotografia, un giocattolo rotto, una sedia a dondolo, un soprammobile…Odori e profumi che narrano un istante, un affetto, una passione, un’amicizia, un amore: in una parola…la vita!
 
Cibi e profumi
Gusto e olfatto: un connubio perfetto, un eccelso intarsio che esprime un dono, un’attesa, un affetto. Due sensi che s’intersecano con sapiente equilibrio che si specchia in un’allegra girandola capace di trasmettere gioia e stupore.   
 
Il fascino dei fiori: tra colori e profumi
Vista e olfatto: un’interessante partita tra due sensi meravigliosi, connotati da caratteristiche molto differenti, capaci di rincorrersi leggiadri nello spazio. Il linguaggio dei fiori sarà l’originale alfabeto con cui scrivere collane di parole sulle pagine, diffondendo profumi e cromie.

Letture
Calvino, Sotto il sole giaguaro
Suskind, IL profumo
Radhika, L’odore del mondo
Proust, Alla ricerca del tempo perduto             
   
 
               

✍️

Scuole vincitrici concorso “Alla ricerca delle parole gentili”

I.C. MARCO POLO, SCUOLA PRIMARIE ‘CESARE GUASTI’ E ‘FABIO FILZI’ di PRATO

scritte dai bambini delle classi seconde e terze.

Classe 2 AF

Docenti: Giuliano Maria Grazia, Greco Carmela, Corda Denise

LA POESIA DEI BAMBINI GENTILI

Una

carezza

sul viso,

che suscita subito un

sorriso.

Un gesto di

cortesia

che ti porta

allegria

Una mano tesa,

che cancella ogni offesa.

Uno sguardo di

amore

che scalda subito il

cuore

Queste sono le rime della gentilezza,

per donare a tutti tanta

dolcezza.

PAROLE NEL CUORE

Grazie, per favore e scusa,

perché mai nessuno le usa?

Forse le dimentichiamo,

eppure nel cuore le abbiamo.

Forse non le vogliamo pronunciare,

ma al mondo le dobbiamo gridare.

Un bacio, un abbraccio, una carezza,

sono piene di amore e di gentilezza.

Se le facciamo uscire dal cuore,

possiamo usarle a tutte le ore.

Classe 2AG

Insegnanti: Denise Corda, Debora Fazio, Meoni Morena, Carmela Ruggeri.

PAROLE GENTILI IN RIMA

ALLA MAMMA IO DICO

BUONGIORNO

AL BABBO, ALLA ZIA E ANCHE AL NONNO.

PER ANDARE IN BAGNO CHIEDO:-

POSSO?-

ALLA MAESTRA CHE SCRIVE CON IL GESSO ROSSO.

SE LITIGO CON IL MIO COMPAGNO CHIEDO

SCUSA

ANCHE SE HA I CAPELLI DA MEDUSA.

SE SEI TRISTE TI REGALO UN

ABBRACCIO

NON MI IMPORTA DELLE SCARPE SENZA LACCIO.

E AL MIO AMICO CHE FA TANTE SCENE

DICO LO STESSO”

TI VOGLIO BENE

Classe 2° BG SCUOLA PRIMARIA C. GUAST I- I. C. MARCO POLO – PRATO

Insegnanti: Lorella Berni, Simona Bonzagni, Emanuela Bardazzi, Michele Vaccaro

GENTILEZZA IN ABBONDANZA

Se in ogni parte del mondo

si dicesse

grazie

come “buongiorno”

e

prego

si usasse come “buonasera”

la vita per tutti sarebbe più serena.

Alcune parole come

scusa

e

per favore

danno alla vita il giusto onore.

le parole

gentili

le coltivi dentro

e quando raggiungono l’altro fanno sempre centro!

CLASSE: 2 C

DOCENTI: MIMI ROBERTA, PALMISANO LAURA.

VUOI ESSERE MIA AMICA?

Saremo amici per sempre, sempre amicizia

Sei generoso e simpatico, anch’io lo sono e tutto il mondo

lo è

cosa bella come un fiore o una stella.

Se tu sei gentile, anch’io son gentile.

Giochiamo tutti in piazza, la guerra è finita.

Ci aiutiamo senza darsi noia, lavoriamo insieme.

Amo i gatti e ti voglio tanto bene

mi piacciono tutti i bambini

grazie natura

ti amo.

(3a A Filzi, Prato)

ISTITUTO MARCO POLO -PLESSO CESARE GUASTI

CLASSE 3AG

INSEGNANTI: CONTI ANTONIETTA, BOSCAGLIA IRENE.

(CONCORSO LETTERARIO “ALLA RICERCA DELLE PAROLE GENTILI”)

LA CONTA DELLA GENTILEZZA

AMBARABÀ CICÌ COCÒ

SE CHIEDI AIUTO NON DICO NO

A MELE MELE BÙ

SE HO SBAGLIATO NON LO FACCIO PIÙ.

SE TI INCONTRO TI SALUTO

BUONGIORNO, BUONASERA E BENVENUTO.

GRAZIE, PREGO, PER FAVORE

È BELLO SENTIRLO A TUTTE LE ORE.

GIRO GIRO GIROTONDO

SE SEI GENTILE NON CASCA IL MONDO.

IL CORTILE GENTILE

Benvenuto signor barbuto

amico non più sconosciuto

nel nostro gentile cortile

dove chi accusa chiede scusa

e chi non chiede permesso

diventa di gesso o diverso.

Per cortesia non fare la spia

altrimenti ti faccio l’anestesia

e non puoi più leggere la poesia.

Autori:

Classe 3ª BG

Istituto comprensivo “Marco Polo” – plesso Cesare Guasti

Docenti: Adriana De Benedetto

Nunzia Maria

Francesco Pucci

CERCASI URGENTEMENTE GENTILEZZA

DENTRO LA PAROLA

GENTILEZZA

SI TROVA UNA

CAREZZA

CHE ARRIVA COME BREZZA

CHE TOGLIE TRISTEZZA

PORTA

LEGGEREZZA

REGALA

DOLCEZZA

ALLONTANA BRUTTEZZA

AVVICINA

BELLEZZA

RIEMPIE I NOSTRI CUORI DI

RICCHEZZA

Classe 3 C

Docenti: Maria Paglia, Romina Marchini

Premiazione concorso “Alla ricerca delle parole gentili”

DOMENICA 13 NOVEMBRE 2022

SEZIONE ADULTI

PRIMO PREMIO a CLARA MAFFIOLETTI

SULLA MIA STRADA

Uno sconosciuto. Un ragazzo sconosciuto. Un ragazzo sconosciuto con una canottiera bianca in una giornata calda. Il sole dell’equatore su un’isola sperduta. Un viaggio dove tutto e’ diverso. Una gita in bici nella foresta pluviale. Il sorriso della mia amica e le nostre bici. Il caldo.

Un ragazzo sconosciuto di cui non conosco le movenze. Si avvicina. La catena della bici e’ caduta. Siamo ferme, sembra impossibile proseguire.

  • Posso aiutare? – Magari, grazie

Un sorriso fraterno allontanandosi. La bici sistemata. Poche parole, solo una frase:

  • Oggi io aiuto te perche’ domani qualcuno aiutera’ me sulla mia strada.

Si allontana ridendo e indicando la sua strada, piu’ avanti. La strada dell’umanita’ intera.

Lo scambio di sguardi con la mia amica. – Esiste ancora! Ed e’ uguale in tutte le lingue del mondo!

SECONDO PREMIO a EMANUELA CITERIO

GITANI

I bambini del circo arrivavano ogni anno nel mese di maggio, a scuola quasi finita, senza libri e con le orecchie ai quaderni, i vestiti dagli orli slabbrati e le scarpe da adulto; affumicati dal cibo cucinato, sapevano di legna e dell’odore particolare della paglia sparsa nelle gabbie degli animali. Non conoscevano le buone maniere e non erano particolarmente gentili o riconoscenti, forse perché non si fermavano mai abbastanza in nessun posto. Ma io li amavo. La sincerità dei loro sguardi me li faceva apparire persino affabili. L’equilibrista che si esibiva la sera si chiamava Alma Nives, undici anni, altri tempi. Avevo fatto in modo di averla fissa nel banco accanto, con la scusa di aiutarla, e la maestra mi aveva ringraziato per la disponibilità.  Brava – aveva detto – pensaci tu. Alma Nives regalava ai compagni biglietti a prezzi scontati per lo spettacolo del pomeriggio. Quello serale era sempre a prezzo intero e solo la maestra ne ebbe uno, una volta, ma andò sprecato.

TERZO PREMIO exaequo a

FLAVIO MORO

GENTILEZZA E AMORE

Dolce è la nostalgia,

figlia dei ricordi che si perdono nel passato,

nulla è più antico del Tempo.

Benevola è la morte quando ci passa intorno,

ci sfiora, sorride,

e poi se ne va.

Garbato è il sole quando spegne le stelle,

quieta la tristezza di chi attende la sera,

la notte, e poi un domani ancora.

Delicato è il suono del violino nel lager,

meschino è il sordo

che ignora il pianto disperato.

Gentile è il fiore che sboccia nel deserto,

premuroso è il viandante che lo innaffia

con l’ultimo sorso nella sua borraccia.

Fragile è lo sciabordio dell’onda,

nell”attesa disperata

di chi sa udire le urla dell’aiuto.

Se dalla bocca escono parole gentili,

dagli occhi sgorgano i sentimenti,

poi, a parlare, sarà il silenzio.

Più umano si fa l’uomo,

quando non confonde

la gentilezza con l’amore.

Giuseppe Cambiè

La scalata gentile

Scalata del cielo, mai terminata,

la voglia di luce dietro il tramonto

sorregge la vita e, fragile, l’ombra,

mantiene, a fatica, il pianto e il sorriso,

innerva le crepe d’intimo affanno,

ritrova memoria d’ogni passaggio,

fa scorrere amore e accoglie parole

giganti di sasso, gravi sul cuore.

Tra fuga e fugace, sceglie di stare.

Accanto a chi spera. Appesi ad un filo.

SEGNALAZIONI di MERITO a

ERSILA TORELLO con IL FIORE della GENTILEZZA

FRANCO PADOVAN con LA GENTILEZZA della VITA

ALESSANDRA GRISSINI con LA PANCHINA

SEZIONE RAGAZZI

PRIMO PREMIO a MIRANDA TONIOLO

Le mie amiche parole gentili

Le mie amiche parole gentili.

Son difficili da trovare parole gentili, ma 

poi una lucina s’accende:

amore, scusa, grazie, per favore e amico

potrei continuare all’infinito!

Sono come dolci e caramelle

che si sciolgono in bocca dolcemente

regalando amore e cose belle.

Continuare potrei e ve lo giuro vorrei

però vi devo lasciare cari amici,

in cerca di nuove parole che vi rendano felici.

SCUOLE

PRIMO PREMIO exaequo

Istituto Comprensivo PONTE IN VALTELLINA

Istituto Comprensivo MARCO POLO, SCUOLA PRIMARIE ‘CESARE GUASTI’ E ‘FABIO FILZI’ di PRATO

C’ERA UNA VOLTA… – laboratorio sulla fiaba

LABORATORIO IN PRESENZA

a cura di Silvia Gilardi
Laureata in Lettere Moderne, diplomata in Scrittura&Storytelling alla Scuola Holden di Torino.
Docente di scrittura creativa, ghostwriter e collaboratrice editoriale.

PROGRAMMA:

Che cosa sono le fiabe?
– Rapida carrellata di pareri illustri
– Perché ha ancora senso leggere, scrivere e raccontare fiabe oggi

Walt Disney vs Fratelli Grimm
– L’influenza dell’immaginario disneyano
– Lettura e confronti: Biancaneve e Cenerentola

Gli elementi costitutivi della fiaba
– Il magico e il meraviglioso
– I personaggi: eroe, antagonista, aiutanti
– Le funzioni di Propp

Scriviamo la nostra fiaba
– Come strutturare un’idea
– Esercizi di scrittura

***

Il laboratorio si terrà sabato 26 novembre (dalle 14.30 alle 18.30).
Per info e adesioni: corsi.ilpaesechenonce@virgilio.it
tel. 377.1246697

“Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti”.

Gilbert Keith Chesterton

Domenica 13 novembre Giornata mondiale della gentilezza Cerimonia di premiazione Concorso Letterario “Alla ricerca delle parole gentili” a Bergamo

BERGAMO ore 15.00 presso lo “Spazio Family” 
via San Giovanni 1H (a pochi passi da via Pignolo e il Parco Suardi).

Il 13 novembre è la Giornata Mondiale della Gentilezza. Questa data non è stata scelta a caso, ma coincide con la giornata d’apertura della Conferenza del “World Kindness Movement” a Tokyo nel
1997 che si è chiusa con la firma della Dichiarazione della Gentilezza.
L’obiettivo di questa giornata è di guardare oltre noi stessi, oltre i confini dei diversi paesi, oltre le nostre culture, etnie e religioni.


La partecipazione gratuita era riservata ad opere inedite, scritte in
lingua italiana.

Le opere di autori stranieri dovevano essere accompagnate dalla
traduzione.

Ricordiamo che l’anonimato dei concorrenti e della Commissione Giudicatrice ha protetto il giudizio attento e scrupoloso da eventuali emotive interferenze.

Rimani gentile… Non lasciare che il mondo ti renda insensibile. Non lasciare che la sofferenza ti lasci odiare. Non lasciare che l’amarezza rubi la tua dolcezza. (Kurt Vonnegut)


INGRESSO LIBERO
Gradita la prenotazione inviando una mail a: ilpaesechenonce@virgilio.it

 

Concorso letterario “ALLA RICERCA delle PAROLE GENTILI” scadenza 31 ottobre 2022

BANDO DI CONCORSO
“ALLA RICERCA DELLE PAROLE GENTILI”

Partecipazione gratuita

Il 13 novembre è la Giornata Mondiale della Gentilezza. Questa data non è stata scelta a caso, ma coincide con la giornata d’apertura della Conferenza del “World Kindness Movement” a Tokyo nel 1997 che si è chiusa con la firma della Dichiarazione della Gentilezza.
L’obiettivo di questa giornata è di guardare oltre noi stessi, oltre i confini dei diversi paesi, oltre le nostre culture, etnie e religioni.

La partecipazione gratuita è riservata ad opere inedite, scritte in lingua italiana.
Le opere di autori stranieri dovranno essere accompagnate dalla traduzione.

Regolamento:

* Per partecipare occorre inviare un brano in prosa (massimo 10 righe- escluso il titolo-) oppure una poesia di 10 versi (liberi oppure in rima) che contengano 5 PAROLE che rappresentino il sentimento della “GENTILEZZA”.
* Le opere devono pervenire via mail esclusivamente a ilpaesechenonce@virgilio.it
entro il 31 ottobre 2022.

* Il testo della mail deve contenere il titolo dell’opera, il nome e il cognome dell’autore.
In allegato, l’opera in formato word (con titolo del testo) corredata da nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico.

*Saranno scartate, senza che sia dovuta comunicazione ai partecipanti, quelle opere che non
risponderanno a quanto richiesto nei precedenti articoli.

*Le opere non saranno restituite.

L’Associazione non è tenuta ad alcuna comunicazione sull’esito del concorso ai partecipanti non premiati e non segnalati: i risultati del premio saranno resi noti mediante pubblicazione sul sito www.ilpaesechenonce.org e sulla pagina Facebook dell’Associazione.

*I nomi dei componenti della giuria saranno resi noti durante la cerimonia di premiazione.
*In palio una montagna di libri.
*La premiazione si terrà domenica 13 novembre 2022 alle ore 15.00 presso lo “Spazio Family” a Bergamo, via San Giovanni 1H (a pochi passi da via Pignolo e il Parco Suardi)

*La partecipazione al Concorso implica l’accettazione incondizionata di tutte le norme del presente regolamento. Per ogni controversia è competente il Comitato Organizzatore.

Rimani gentile… Non lasciare che il mondo ti renda insensibile. Non lasciare che la sofferenza ti lasci odiare. Non lasciare che l’amarezza rubi la tua dolcezza. (Kurt Vonnegut)

INFO: 3771246697
ilpaesechenonce @virgilio.it

Le news di ottobre 2022

Ciao!

Eccoci anche questo mese con tante belle proposte e un imperdibile evento 😉
 
Corsi e laboratori di ottobre…
Clicca sul corso di tuo interesse per avere maggiori informazioni.
Per iscriverti basta inviare una mail a corsi.ilpaesechenonce@virgilio.it
Riceverai così tutti i dettagli per partecipare.
 
IN PRESENZA:



LE DEE DENTRO LA DONNA
Laboratorio di libroterapia
da sabato 15 ottobre – ore 10.30-12
 
IL CLUB DEGLI ASPIRANTI SCRITTORI – NUOVA EDIZIONE
Non il solito gruppo di lettura
da martedì 18 ottobre – ore 20.30-22
 
LA MEDITAZIONE NELLA SCRITTURA
Meditare per scrivere di sé
sabato 22 ottobre – ore 10.30-17
 
CORSO BASE DI GRAFOLOGIA
sabato 29 ottobre – ore 10.30-17.30
 
ONLINE:

GATTOLIBROTERAPIA
Laboratorio online per scrittori equilibristi
da giovedì 13 ottobre – ore 20-21.30


📚 ✍️ 📚
 

CERIMONIA di PREMIAZIONE dei nostri concorsi letterari 🥳

Ebbene sì! Grande festa questo mese al Paese che non c’è: l’associazione compie 33 anni!



Domenica 30 ottobre vieni a festeggiare con noi questo importante traguardo.
Ti aspettiamo alle ore 15 in EXSA – Ex carcere di Sant’Agata (Vicolo Sant’Agata, Bergamo Alta) per passare insieme un fantastico pomeriggio all’insegna della scrittura e dell’amore per i libri.

Durante la manifestazione:

  • proclameremo il vincitore del PREMIO letterario RACCONTI A 33 GIRI
  • sveleremo i testi premiati dei concorsi CRITICATE TUTTI…TRANNE SHAKESPEARE! 
  • LETTERE IMPOSSIBILI
  • presenteremo testi di autori esordienti e non


E a seguire… un doveroso brindisi! 🥂

Se sei passato dal Paese che non c’è, non puoi mancare!
Se non sei mai stato al Paese che non c’è, vieni a conoscerci!


Ingresso libero, gradita la prenotazione.
 

Ti aspettiamo!

 📚 ✍️ 📚

“Vivere senza leggere è pericoloso, ci si deve accontentare della vita,
e questo comporta notevoli rischi”.

Michel Houellebecq

CERIMONIA di PREMIAZIONE dei nostri concorsi letterari 2022 domenica 30 ottobre

Ebbene sì! Grande festa questo mese al Paese che non c’è:
l’associazione compie 33 anni!
Domenica 30 ottobre vieni a festeggiare con noi questo importante traguardo.

Ti aspettiamo alle ore 15.00 in
EXSA – Ex carcere di Sant’Agata
Vicolo Sant’Agata, Bergamo Alta

per passare insieme un fantastico pomeriggio all’insegna della scrittura e dell’amore per i libri.

Durante la manifestazione:
proclameremo il vincitore

del PREMIO letterario
RACCONTI A 33 GIRI

e del concorso per lettori
CRITICATE TUTTI … tranne Shakespeare!

– sveleremo il nome del vincitore del CONCORSO letterario
LETTERE IMPOSSIBILI

OSPITI

Ho scritto un libro perché…

Giulio Natali finalista Premio Italo Calvino

Soste forzate” La Gru Edizioni

Due chiacchiere con…

Anna MartinenghiO2. Ossigeno” Giovane Holden Edizioni

Franco Padovan Non si prende pesce e altri racconti” Europa Edizioni

Angela RuffinoNessun rimpianto “Araba Fenice Edizioni

M. Carmen VitaliLasciamole andare” Marna Edizioni

Quanto è utile seguire un corso di scrittura?

Laura Bassa “Una spugna per due” Ode Edizioni

Maestro di cerimonie Ottavio Gerosa

Presentazione iniziative e corsi
a cura di
Angela Sabella e Silvia Gilardi

E a seguire… un doveroso brindisi!

Se sei passato dal Paese che non c’è, non puoi mancare!
Se non sei mai stato al Paese che non c’è, vieni a conoscerci!
Ingresso libero, gradita la prenotazione.

www.ilpaesechenonce.org

Laboratorio online di Gattolibroterapia e scrittura. Avvio giovedì 13 ottobre 2022 ore 20.00/21.30

La Gattolibroterapia insegna a rilassare i nervi, allentare le tensioni e diminuisce l’ansia; influisce sull’umore e stimola a prendersi cura di se stessi.

TRE INCONTRI, una volta al mese, sempre di giovedì
13 ottobre, 17 novembre, 15 dicembre 2022

PROGRAMMA

1. Il vero nome del gatto.
Il primo e il secondo nome.
Il terzo nome che solo il gatto conosce.

È una faccenda difficile mettere il nome ai gatti;
niente che abbia a che vedere, infatti,
con i soliti giochi di fine settimana…

T.S.Eliot

2. Il gatto nei racconti del mondo antico.
Dal Medioevo al Rinascimento, il gatto nelle favole.

Il gatto non fa nulla, semplicemente è, come un re.

Claudio Magris

3. Quattro zampe e due mani.
Scrittori e gatti: una lunga storia d’amore.
Il gatto una distrazione che porta alla concentrazione.

Vieni sul mio cuore innamorato, mio bel gatto: trattieni gli artigli e lasciami sprofondare nei tuoi occhi belli, misti d’agata e metallo.
Charles Baudelaire

Info ed iscrizioni entro il 5 ottobre : corsi. Ilpaesechenonce@virgilio.it

CORSO BASE di GRAFOLOGIA sabato 29 ottobre dalle ore 10.30 alle ore 17.30

Corso base di GRAFOLOGIA
a cura della grafologa Anita Rivetta

Ti piacerebbe conoscere qualcosa in più riguardo al tuo carattere o a quello di qualcuno che ti sta a cuore? Capire perché, nonostante gli sforzi, è difficile riprodurre il gesto grafico di altri o anche il proprio, in maniera identica?

La grafologia è una scienza che permette di studiare, con criteri di misurabilità e scientificità, i segni presenti in uno scritto e definire le caratteristiche e le sfumature della personalità dello scrivente. Questo può essere di grande utilità in diversi settori che vanno dalla psicologia, all’ambito legale, al mondo del lavoro o della scuola ed è per questo motivo che lo studio della grafia sta prendendo sempre più piede sia in Italia che in altri paesi.

Il corso è rivolto:

– a chi vuole imparare a leggere la propria scrittura per conoscersi meglio;
– agli insegnanti per comprendere le risorse dei loro studenti;
– ai selezionatori del personale in ambito lavorativo;
– alle coppie per poter conoscersi meglio attraverso la loro scrittura;
– a potenziali studenti che vorrebbero avvicinarsi alla grafologia;

Programma

Introduzione: il simbolismo spaziale e la terminologia

Il rapporto con l’altro e con l’ambiente

– La curva: tutti nasciamo curvi, è la vita che ci rende angolosi

– Gli occhielli schiacciati e gli occhielli aperti

– Le distanze :
– LDL
– LTL
– LTP

– Il calibro

– L’interrigo

– Le aste:
– a dx
– rette
– a sx
– L’inclinazione :
– dritta
– pendente
– rovesciata

– La firma

Bergamo, via Sant’Alessandro 32 – cortile interno.
Tel.377.1246697

ore 10.30/ 13.00
13.00 /14.00 pausa pranzo
14.30/17.30


Al corso base seguirà, per chi lo desidera, il corso di secondo livello.

La grafologia (da γραϕειν = scrivere e λογοσ = scienza, studio), tecnica di studio del carattere a partire dalla scrittura manoscritta, nasce e si consolida tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento.
Il mistero di questa forma di espressione: riuscire a decodificare la “musica” di quei segni che sono le parole e interpretare così la natura intima di chi le ha scritte, ha suscitato curiosità e interesse nel corso dei secoli passati ed è all’origine della nascita della grafologia.

Info e iscrizioni: corsi.ilpaesechenonce@virgilio.it